Il Libro della comunità dei Lucchesi a Bruges (1377–1404): i conflitti celati

Loading...
Thumbnail Image
Date
2012
Authors
Galoppini, Laura
Journal Title
Journal ISSN
Volume Title
Publisher
The Southern African Society for Medieval and Renaissance Studies (SASMARS)
Abstract
Bruges fu uno tra i maggiori centri economici internazionali del tardo Medioevo, favorita anche dalla felice posizione geografica – presso i confini del regno di Francia difronte a quello di Germania, e all’Inghilterra – e dalle naturali vie d’acqua, i canali della Reie che allora la collegavano con lo Zwin fino al Mare del Nord attraverso gli scali portuali di Damme e di Sluis. Frequentata dagli uomini d’affari delle varie nazionalità europee, Bruges conobbe le significative presenze mercantili dell’Italia centro-settentrionale, dei Lombardi, dei Veneziani, dei Genovesi e dei Toscani. Dal Duecento fino a tutto il Quattrocento, in particolare, gli uomini d’affari di Siena, Pistoia, Pisa, Lucca e Firenze, furono attivi sulla piazza mercantile di Bruges con peculiariarità specifiche legate alla nazionalità e alle alternanti vicende politico-economiche cittadine. Le comunità mercantili toscane all’estero, com’è noto, erano organizzate in nazioni (nationes) ovvero in precise strutture sociali coese da finalità di tipo economico-politico, ordinate e controllate dalla madrepatria, attraverso le quali gli operatori si assicuravano il riconoscimento ufficiale nel paese straniero per ottenere privilegi commerciali dalle autorità del luogo. Appartenere alla propria natio era, infatti, la condizione indispensabile per esercitare l’arte della mercatura lontano dalla madrepatria. La vita mercantile, come quella civile e religiosa di ogni singola nazione toscana all’estero era regolamentata dalle norme di uno statuto appositamente redatto e ufficialmente approvato dal Comune: attualmente si sono conservati gli statuti dei Fiorentini in Anversa (in realtà di Bruges, 1427), dei Lucchesi in Bruges (approvato nel 1498, con riferimento al primo statuto del 1369) e in Anversa (1560, non riconosciuto per problematiche religiose).
Description
Keywords
Middle Ages -- Periodicals. , Renaissance -- Periodicals. , Middle Ages. , Renaissance.
Citation